Soddisfazione da parte della comunità di Rapone, suo paese di origine

Teologo e pastore di Anime, la Comunità di Rapone è orgogliosa che un figlio di nostri concittadini , sia stato designato da Papa Francesco Arcivescovo metropolita di Torino e Vescovo di Susa, Don Roberto Repole, docente e direttore della Sezione torinese della Facoltà teologica dell’Italia settentrionale. Come Sindaco di Rapone, paese di origine del padre del nuovo Arcivescovo di Torino, invio gli auguri a Monsignor Repole di un luminoso Ministero Pastorale alla guida di una delle Diocesi simbolo della Cristianità, la Toro della Sacra Sindone e simbolo anche dell’incontro di culture e tradizioni diverse che riescono a convivere nella Pace nel solco della Fratellanza e della Nuova Novella.

Con orgoglio sottolineo che Monsignor Repole è anche un raffinato Teologo di fama internazionale apprezzato dal Sommo Pontefice e uno studioso con importanti ricerche e pubblicazioni, tra le quali ricordo tra le principali, Il pensiero umile, In ascolto della Rivelazione, L’umiltà della Chiesa, Come stelle in terra, La Chiesa nell’epoca della secolarizzazione (Cittadella 2012). Per il suo operato di docente e di esperto delle culture contemporanee unite alla indiscussa capacità di ascoltare i giovani, gli umili, i fedeli ma anche i bisognosi, i migranti con la sensibilità che ha lui, figlio di emigranti lucani e anche il mondo del lavoro, sarà capace di guidare con lungimiranza e umanità una Diocesi dalla società complessa come Torino e sicuramente sarà una guida spirituale anche per la nostra Comunità Raponese e Lucana.