logo bn ultimo

 

Mostra interattiva multisensoriale e inclusiva che parte da Sant’Arcangelo per fare tappa in altri comuni lucani

Rientra nel cartellone estivo dell'estate santarcangiolese 2021 la mostra-evento “I Promessi Sposi a scuola di innovazione", nata nelle fasi di sviluppo del progetto inclusivo omonimo realizzato quest’anno interamente in didattica digitale integrata da cinquanta alunni liceali dell'Istituto superiore “Carlo Levi” di S. Arcangelo. L’iniziativa ha coinvolto diverse classi e si è basata su un’originale modalità di studio del romanzo manzoniano che ha permesso di coniugare la classicità del testo con le tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Tutto il lavoro dei ragazzi e degli insegnanti coinvolti ha toccato anche i temi dell’inclusione, per rendere accessibili i contenuti del romanzo anche alle persone con disabilità sensoriale o con bisogni comunicativi complessi (ad esempio alle persone affette da autismo) e ha permesso all’Istituto in questione di essere selezionato per il premio scuola digitale 2020/2021.

 

È nata da qui l'idea della mostra interattiva e itinerante, organizzata dalla professoressa Samantha Petrone, voluta anche dalla dirigente scolastica dell’I.I.S. Carlo Levi, Lucia Lombardi, con l’obiettivo non solo di condividere con tutta la comunità il lavoro svolto dai ragazzi, ma anche per promuovere il connubio classicità-digitale-pratiche inclusive. L’evento è finanziato dal Comune di Sant'Arcangelo, patrocinato anche dalle Parrocchie del centro valligiano, dal Sistema Museale Urbano Lecchese (che comprende il Museo Manzoniano), dal Comune di Lecco, e dalla sezione di Potenza dell'Unione Nazionale dei Ciechi e degli Ipovedenti. Hanno collaborato alla sua realizzazione anche i docenti Vincenzo Ciminelli, Susanna Loprete, Filomena Pinca e Maria Teresa Zaccara.

 

“I Promessi Sposi a scuola di innovazione” si potrà visitare a Sant’Arcangelo, dal primo al sei agosto, allestita nella sala attigua alla Chiesa Madre, ore 18 e 20, e farà poi tappa a Roccanova (8-12 agosto) presso la scuola materna, per approdare infine a Valsinni (16 -20 agosto), nella Pinacoteca Morriana. I visitatori potranno navigare all'interno dei contenuti multimediali attraverso la scansione dei QR Code posti sui singoli pannelli. Ascoltare i podcast dei personaggi nelle quattordici scene. Visionare i fumetti e la traduzione dei testi in comunicazione aumentativa e alternativa. Vivere le esperienze in AR/VR del gioco della escape room "Liberiamo Lucia!" e di Metaverse "Scatta un selfie con i capponi!".