logo bn ultimo

 

Un riconoscimento conquistato per la realizzazione di una colomba innovativa

Ancora un riconoscimento importante per pasticceria Tuzio di Senise. Dal 3 al 7 marzo si è svolta nel complesso fieristico di Marina di Carrara la 42esima fiera del Tirreno dove la FIPGC, Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria, ha avuto un ruolo predominante nello svolgimento di concorsi che andavano dal Cake Design alla panetteria alla pasticceria. Significativo il concorso, svoltosi l’ultimo giorno, il 7 marzo, "miglior colomba d'Italia” dove si sono alternati i migliori della pasticceria nazionale: ben 205 colombe in gara tra quelle tradizionali ed innovative. Per le colombe innovative, ancora un riconoscimento di qualità per senisese Andrea Tuzio e la sua pasticceria che ha raggiunto il traguardo delle prime posizione. Medaglia di bronzo per aver realizzato una colomba composta da un impasto di nocciola, caramello mela e noci con glassa di cioccolato di caramello e nocciola. Un prodotto di grande qualità con una formulazione innovativa di ingredienti e di impasto. “È stato un momento di grande soddisfazione- sottolinea Andrea Tuzio, raggiunto dalla nostra redazione- dove si espressa una grande umanità e collaborazione tra tutti i colleghi venuti da Sud a Nord, dalla Calabria fino a Milano”.

 

Appuntamenti che aiutano nella maturità professionale frutto di continui confronti e di condivisione. “Certo, sono luoghi dove la competizione è minima, mentre il confronto – aggiunge Andrea Tuzio – per realizzare il miglior prodotto possibile diventa continuo. Infatti oltre al premio, la mia grande soddisfazione deriva dalle tante dimostrazioni che abbiamo tenuto per due giorni fianco a fianco con altri autorevoli colleghi provenienti da tutta Italia”. Dopo il premio ricevuto a Ginosa, in provincia di Taranto, dello scorso gennaio con la “Natività di cioccolato”, questo riconoscimento per la pasticceria di Andrea Tuzio è una ulteriore attestazione di stima, sia per la competenza, il continuo e costante lavoro che la pasticceria svolge per accrescere l’innovazione, fermo restando l’identità del territorio. Nei prossimi mesi in programma altri appuntamenti. “Sicuramente – conclude Andrea Tuzio – vaglieremo quelli più significativi dove poter partecipare”.

 

Oreste Roberto Lanza