La Commissione Europea certifica l’area come di interesse comunitario

Per il comune di Muro Lucano c’è una buona notizia. La Commissione Europea ha ufficialmente dichiarato Area di Interesse Comunitario la Valle delle Ripe, il Torrente Malta e il Monte Giano in quanto Aree protette “Natura 2000” (SIC/ZPS). Le pagine di storia indicano la Valle delle Ripe come la strada più antica di Muro Lucano, realizzata intorno all'XI secolo nelle Ripe, paesaggio incontaminato e ricco di biodiversità, caratterizzato da rocce calcaree e gole profonde. Un sentiero medievale che si compone di due tratti: il primo collega l’acropoli della città (castello e cattedrale) al primo nucleo insediativo, il borgo Pianello; mentre l'altro, un tracciato più suggestivo e impervio, scendendo nel canyon in cui scorre un torrente, unisce l’abitato con la frazione Capodigiano. Sul percorso si possono incontrare cavità naturali, un ponte romanico costruito nel 1100, resti di opifici medievali (mulini e gualchiera) e una fontana. In passato il sentiero era frequentato quotidianamente per l'approvvigionamento idrico del borgo e per le attività economiche. Nel 1918, la costruzione del moderno ponte sulle Ripe, ad arco parabolico e in cemento armato, causò l'abbandono del sentiero.

Su questo luogo l’amministrazione comunale murese, in prima persona il sindaco Giovani Setaro, ha posto una precisa attenzione. “Attualmente, tre sono i progetti messi in campo dalla mia amministrazione ed in corso d’opera sulla Valle delle Ripe: la messa in sicurezza del Sentiero delle Ripe ed il recupero di un altro tratto del percorso, opera pari ad € 500.000,00, il Parco Urbano con area camper e campeggio che diventerà l’hub turistico della Città di circa € 1.000.000,00”.

La Valle delle Ripe, attrattore per Muro Lucano.
“La Valle delle Ripe sarà il nostro grande attrattore, una volta messo a sistema tutti i pezzi di questo importante puzzle. Dopo la progettazione in pochi mesi si avvieranno i cantieri, A questo va anche aggiunta il progetto di installazione dell’illuminazione artistica pari ad euro 50.000,00 che vedrà protagonista il Borgo Pianello e le Ripe già in questa estate”.

Un territorio dove si vuole tutelare ed esaltare la presenza di peculiarità naturalistiche.
“Certo utili per sviluppare forme di turismo attivo sostenibile. La mia Amministrazione ci crede fin dal primo giorno di insediamento”.

 

Oreste Roberto Lanza