logo bn ultimo

  

La biellese Anna Raviglione ne racconta i tratti importanti nel suo libro fresco di stampa

Sono trascorsi ben nove mesi (28 ottobre 2020), dalla morte di un grande giornalista Rai, un inviato con l’anima. Pino Scaccia, pseudonimo di Giuseppe Scaccianoce giornalista, scrittore e blogger italiano , fermato soltanto dal covid, è stato un reporter capace di ogni servizio di prima linea. Da pochi mesi, maggio 2021, è in libreria il libro della docente di italiano, la biellese, Anna Raviglione – “Pino Scaccia, un inviato con l’anima”, edito da Tra le righe libri, dove con fare semplice e accurato, l’autrice, nelle sue oltre trecento pagine, racconta la carriera dello storico inviato del Tg1 Rai. Pagine avvincenti, tante volte emozionanti che trasudano di una passione giornalistica alcune volte difficile da descrivere. Dal Kuwait, dove intervistò Oriana Fallaci, alla centrale nucleare di Chernobyl; l'intervista a Giovanni Falcone, quella con Giulio Andreotti, quella mancata a Bettino Craxi, la tragedia dello Tsunami, al ritrovamento dei resti di Che Guevara. Le guerre in Afghanistan, in Iraq, nei Balcani, alla Libia di Gheddafi. Appassionante il capitolo sui sequestri, da Casella a Celadon, del piccolo Farouk Kassam. Intrigante la storia della figlia maggiore del noto cantante Al Bano, Ylenia, scomparsa ben ventisei anni fa: una verità pare mai raccontata fino in fondo.

Al pari la tragica vicenda di Emanuela Orlandi, figlia di un commesso della prefettura della casa pontificia e di Mirella Gregori scomparse nel 1983. La storia giudiziaria del fuggitivo Cesare Battisti riportato finalmente in Italia per scontare il suo ergastolo per i quattro omicidi commessi. Il terremoto dell’Aquila alle 3,32 dell’aprile 2009, la fuga dei rom dalla Romania per venire in Italia. Un libro, un diario, un taccuino di memorie di un viaggio, dove l’autrice, che ha camminato professionalmente accanto al giornalista Rai, ha appuntato respiri, pensieri, circostanze e aneddoti di ogni tipo per ogni circostanza tanto da essere definita dagli sguardi del quotidiano “la strana coppia”. Giornalista riservato lontano dal protagonismo, Pino Scaccia, ha dedicato il suo impegno a rendere protagonista il fatto che diceva: “doveva essere osservato attraverso lo sguardo del reporter”. Un giornalista desideroso soltanto di inseguimenti improvvisi in ogni parte del pianeta con l’obiettivo primario di cercare i fatti più importanti ben raccontati a milioni di italiani attraverso il piccolo schermo. Una cronaca oggi diventata storia, proprio come voleva Pino Scaccia, a detta dall’autrice: restando sempre fedele alla religione della notizia. Una carriera nata dal giornale d’Italia con un reportage su Giordano Bruno, l’incontro con Franco Sensi, da lì a poco presidente della Roma, con cui diventerà praticante.

Le Marche nel cuore dove ebbe tutto inizio, dove ancora sono ben presenti le tracce del suo decollo giornalistico: il famoso giornalista sportivo di Ascoli Tonino Carino che gli consigliò di fare domanda in Rai. Poco tempo dopo venne assunto con il suo primo servizio, una mostra di orecchini a Loreto. Dalla cronaca sportiva a quella di fatti tragici del nostro pianeta. Pagini avvincenti, alcune volte toccanti, momenti di gioia e di dolori che si chiamano appunto Vita. Un inchiostro ben utilizzato dall’autrice per raccontare un uomo, un giornalista che non saliva mai in cattedra e cosa importante sapeva ben rapportarsi con la quotidianità ma soprattutto con i giovani. Pino Scaccia è stato un giornalista vero, Anna Raviglione una compagna di penna finissima che ha saputo perfino leggere i suoi sogni nascosti e i desideri più reconditi. Soldi ben spesi per chi avrà voglia di imparare qualcosa da un perfetto giornalista.

 

Oreste Roberto Lanza


POLITICAPIU' LETTIULTIMI ARTICOLI

Image Bardi alla Uil: politica non sia solo gestione del potere. Archiviare il clientelismo
Giovedì, 23 Settembre 2021
  "Basta a una politica attenta solo a poltrone e incarichi, la stagione del clientelismo è alle spalle" Read More...
Image Emergenza cinghiali in regione, attivate tutte le misure
Giovedì, 23 Settembre 2021
  Nell’anno 2021 con dati aggiornati alla fine di luglio, sono stati abbattuti oltre 1.000 capi Read More...
Image Recupero rifugio “la Catusa”. Parla il sindaco di San Giorgio Lucano Esposito
Mercoledì, 22 Settembre 2021
  “Come amministrazione vogliamo entrare nel pieno possesso della struttura” Read More...
Image Bardi incontra delegazioni lavoratori Tfa Tito Scalo
Mercoledì, 22 Settembre 2021
  Lavorare sul riassorbimento dei 35 lavoratori specializzati presso aziende lucane Read More...
Image Alzheimer, Leone annuncia un piano di interventi della Regione
Mercoledì, 22 Settembre 2021
  Un percorso assistenziale di presa in carico ed accompagnamento della persona con demenza e dei suoi caregiver Read More...

sponsor

Sponsor