logo bn ultimo

 

Gianluca Gentile e Christian Errico, premiati con le proprie creazioni all'insegna del peperoncino

Il primo premio della XXI edizione del campionato mondiale di pizza piccante, tenutasi a Scalea in Calabria, è andato a due giovani pizzaioli lucani, Gianluca Gentile e Christian Errico. Entrambi giovani studenti dell’istituto professionale alberghiero di Potenza Umberto di Pasca. Il Campionato mondiale di pizza piccante, organizzato e ideato da Franco Matellicani, in collaborazione con il Movimento pizzaioli italiani, ha visto la presenza di giovani pizzaioli provenienti da ben 16 regioni d’Italia e da 12 diverse nazioni, con studenti di 15 istituti alberghieri sparsi tra Calabria e Basilicata. Regola unica il piccante come ingrediente protagonista e una lievitazione perfetta. “Sicuramente la lievitazione, minimo quarant’otto ore - ha precisato Gianluca Gentile, uno dei giovani vincitori – poi ci vuole molta passione”. La sua pizza, nella patria della nduja,un insaccato tipico di consistenza morbida e dal gusto particolarmente piccante, “No waste” (no spreco), è un composto particolare come sottolinea: “un cornicione pieno di ricotta nduja con pomodoro e mozzarella. Fuori dal forno viene decorato lonza di maiale cavolo viola disidratato e pesto di basilico”. La pizza del potentino Christian Errico è una versione diversa: “un impasto con nduja, provolone affumicato piccante, salsiccia piccante e patate fatte al forno”.

 

Vincere nella terra del peperoncino piccante vale doppio, precisa Raffaele Moliterni docente laboratorio di cucina dell’Istituto alberghiero Di Pasca di Potenza: “andare a fare un concorso della pizza piccante in una zona dove si mangia il piccante non è semplicissimo”. Una competizione come occasione di confronto e anteprima di esperienza utile per la vita quando sarà finito il percorso di studio. Un premio come soddisfazione e orgoglio anche per l’istituto alberghiero di appartenenza dei due giovani vincitori come precisa Angelo Mazzatura, dirigente scolastico: “Il nostro istituto persegue sempre l’eccellenza, quindi cerchiamo con i ragazzi di arrivare sempre al massimo motivandoli in ogni modo promuovendo sempre la competenza”. Due valenti giovani pizzaioli lucani che hanno già dato corso alla loro vita professionale come ha evidenziato Gianluca Gentile: sicuramente vorrò fare il pizzaiolo adesso qui, poi se ci sarà possibilità anche fuori”.

Oreste Roberto Lanza