logo bn ultimo

 

Tavoli di confronto permanenti pubblico-privati di Snpa e RemTech Expo

Le bonifiche dei siti contaminati, la tutela delle coste, dei porti e la loro sostenibilità, il dissesto idrogeologico, i cambiamenti climatici, ma anche la rigenerazione urbana, l’industria chimica innovativa e sostenibile: sono alcuni dei temi discussi al RemTech Expo di Ferrara, agli Stati Generali delle Regioni per la transizione ecologica, evento internazionale permanente specializzato sui temi delle bonifiche, delle coste, del clima, della rigenerazione urbana, che ha visto la partecipazione dell’assessore regionale all’Ambiente e all’Energia, Cosimo Latronico.

 

Nelle sessioni trattate, con l’istituzione di tavoli di confronto permanenti pubblico-privati di Snpa e RemTech Expo, l’assessore ha evidenziato alcuni progetti “pilota” su cui la Regione Basilicata ha posto l’attenzione per il raggiungimento degli obiettivi della rigenerazione dei territori e il loro utilizzo alternativo. Nello specifico, Latronico ha focalizzato l’intervento sul progetto “Life Home”, un modello integrato che si propone di attuare soluzioni per la gestione sostenibile delle risorse al fine di tutelare e conservare specie e habitat presenti lungo i Siti Natura 2000 della costa Ionica, in attuazione del Prioritised Action Framework – PAF, approvato con apposita delibera di Giunta Regionale.

“Interessante e costruttivo - ha dichiarato l’assessore regionale - quanto emerso alla tavola rotonda “La prossimità dei territori nella transizione ecologica per avanzare proposte concrete da sottoporre al legislatore nazionale”, alla ricerca delle più innovative tecnologie relative ai settori inerenti la caratterizzazione, le analisi, i rischi, le tecnologie, il monitoraggio, la sostenibilità e l’economia circolare”. Tra i partner della manifestazione, la Commissione Europea, la Commissione Bicamerale Ambiente, il Ministero della Transizione Ecologica, l’Italian Trade Agency ITA-ICE, il Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale (Snpa), l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), i Commissari Straordinari di Governo, gli Assessorati all’Ambiente delle Regioni.